Pluralismo socio-politico

Il pluralismo è uno dei principi fondamentali del sistema radiotelevisivo (art. 3 Tusmar) e si esplicita nella “possibilità di dar voce – attraverso un’informazione completa, obiettiva, imparziale ed equilibrata nelle sue diverse forme di espressione – a tutte o al maggior numero possibile di opinioni, tendenze, correnti di pensiero politiche, sociali e culturali presenti nella società, onde agevolare la partecipazione dei cittadini allo sviluppo sociale e culturale del Paese” (Corte Costituzionale).

 

Riferimenti normativi

  • D. Lgs. 177/2005 "Testo Unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici", art. 3.
  • L. 28/2000, modificata dalla L. 313/2003.
  • "Codice di autoregolamentazione in materia di attuazione del principio del pluralismo", 8 aprile 2004.
  • Delibera Agcom 200/00/CSP "Disposizioni di attuazione della disciplina in materia di comunicazione politica e di parità di accesso ai mezzi di informazione nei periodi non elettorali".
  • Delibera Agcom 22/07/CSP "Richiamo all'osservanza dei principi vigenti in materia di parità di accesso ai mezzi di informazione nei periodi non elettorali".
  • Delibera Agcom 33/08/CSP "Disposizioni di attuazione della disciplina in materia di comunicazione politica e di parità di accesso ai mezzi di informazione".
  • Delibera Agcom 532/12/CONS "Invito alle emittenti radiotelevisive al rispetto dei principi in materia di informazione radio-televisiva".